avviare-un-business-di-successo

Come avviare un business di successo

Per poter avviare un’attività di business di successo occorre partire da un processo inverso al risultato finale del semplice incremento di fatturato.

Ovvero necessita partire da una motivazione di base che ci spinge a fare le cose per poi implementare delle azioni necessarie ed utili. Tale motivazione è il nostro “Perché” che coincide con la trasformazione che vogliamo attuare nel mondo con il nostro lavoro.

Può sembrare un discorso banale, ma in realtà questo è il motivo del successo di grandi personaggi come Steve Jobs, Jeff Bezos, Bill Gates.
Basta andare a leggere le loro biografie per averne prova.

Trovata la motivazione profonda che ci spinge ad avviare un’attività esistono delle vere e proprie azioni utili per poter avviare un business verso il successo.

Quali sono le azioni utili per avviare un business di successo?

Se mi segui da un po’ sai già che il mio mantra è: ” Ciò che non è pianificato non esiste “. Pertanto fare un buon lavoro di programmazione come anche di revisione del proprio biz è molto utile.
Questo perché riusciamo al contempo ad essere focalizzate sulle azioni da portare avanti senza lasciare niente al caso e all’improvvisazione e a monitorare passo passo i risultati ottenuti. In modo da apportare gli opportuni aggiustamenti per capire poi quali sono i successivi passi da fare.
Difatti è opportuno fare dei check di metà anno per fare il punto della situazione. Inoltre ci sono delle cose da fare sempre e comunque e alle quali è necessario porre la nostra attenzione.

Trovi qui 6 azioni utili ad avviare un business di sicuro successo.
Azioni alle quali è opportuno prestare la dovuta attenzione.
Resta inteso che dovrai avere sempre focalizzata la tua attenzione su quella che è la tua visione che è alla base del tuo lavoro e della tua idea. Visione che ti aiuta a tenere sempre alta la motivazione.

Vediamo quali sono queste 6 azioni:

  • Fare la tua pianificazione nei momenti più opportuni. Dopo aver fatto un check completo del tuo lavoro per capire dove sei arrivata e aver monitorato i risultati ottenuti certamente comincerai a farti un’idea della direzione che può prendere il tuo business. Tenendo conto dei fattori sui quali puoi intervenire in modo da non navigare così a vista. Alla luce di questo lavoro – io lo faccio trimestralmente e poi ogni sei mesi – mi prendo in agosto dei giorni proprio quando sono in relax e disconnessa dai social in cui lavoro sul mio “Planning”. Ovvero metto su carta la programmazione del prossimo anno. Se tu non lo hai fatto ancora o non hai l’abitudine di fare questo brainstorming ti consiglio di prenderti qualche giorno quando sei in pace o riposata per farlo. Se vuoi lanciare ad esempio un nuovo prodotto o servizio a gennaio non puoi pensarci certo a dicembre quando il tempo rimasto è poco. I grandi lanci come gli eventi hanno bisogno di tempo utile per essere gestiti al meglio e con successo e di una buona programmazione.
  • Avere il focus su un solo grande progetto. Pensare di realizzare 3 o 4 grandi eventi o più di un lancio a stagione durante l’anno è difficile. Non si può programmare e gestire bene un grande lancio o un grande evento solo in un mese. Un lancio da solo ha bisogno di 12 settimane per essere portato avanti. Un evento dal vivo di una certa importanza ha bisogno di almeno 6 mesi di organizzazione. La cosa più utile da fare è lavorare su un grande evento annuale che sia il focus del nostro business e su micro progetti trimestrali. L’energia va dove poniamo attenzione ed è meglio focalizzarsi su ciò che è in nostro potere.
  • Possiamo gestire solo ciò che può essere misurato e che dipende da noi. Ovverosia tutto ciò che possiamo misurare e calcolare. Come il ROI per esempio ossia il ritorno sulle nostre spese pubblicitarie. Questo è gestibile e di conseguenza possiamo fare le scelte più opportune e in linea con i nostri obiettivi. Molto difficile è invece decidere circa le scelte che dipendono ad esempio da un influencer o da una collaborazione esterna. Far dipendere da altri il nostro lavoro deve essere un fattore marginale e non la regola.
  • Fare il tuo piano di marketing. Fare isolate azioni di marketing o pensare solo al calendario editoriale o al restyling del proprio sito senza pensare ad una strategia di marketing efficace che ti porti clienti paganti è un errore di molte imprenditrici. Un business che non è fatto di numeri e che non è sostenibile è destinato a fallire.
  • Calcolare un 20% di tempo in più per ogni task di un tuo progetto. Questo è il giusto margine da calcolare affinché ogni tuo lavoro prenda il tempo e lo spazio necessario per essere portato a termine e allo stesso tempo tu possa calcolare gli imprevisti che avvengono comunque anche se non lo vogliamo.
  • Ultimo ma non ultimo e da non dimenticare fare un buon lavoro sulla tua nicchia e sul tuo cliente ideale. Questo vuol dire aver prestato ascolto al tuo cliente e aver guardato alla sua vita e ai suoi problemi dal suo punto di vista. Se non abbiamo fatto questo lavoro non possiamo creare servizi e prodotti su misura e la nostra comunicazione come anche il nostro marketing non saranno efficaci. Vale sempre l’assunto che parlare a tutti è un po’ come non parlare a nessuno.

Se riesci ad implementare queste sei semplici azioni eviti di fare errori e allo stesso tempo poni le basi per una buona organizzazione e strategia che ti permettono di avviare il tuo business verso uno straordinario successo.

Vuoi rendere il tuo business straordinario? Iscriviti al corso gratuito per costruire il tuo brand da zero in soli 7 giorni. Vai semplicemente qui!

 

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi canali e leggi i precedenti. Ogni mio articolo solitamente esce ogni due venerdì. Seguimi anche su Facebook e Instagram.

Comments are closed.